Castello della Zisa - Pa

Il n'y a pas de traductions disponibles

Castello della Zisa: iniziato nel XII secolo da Guglielmo I e terminato da Guglielmo II, era originariamente l'abitazione estiva della corte del Re. Il nome dell'edificio, dalle caratteristiche architettoniche inequivocabilmente arabe, deriva dalla parola araba "el-Azyz" che significa nobile. Nonostante la merlatura della parte superiore dell'edificio, effettuata nel 1300, è ancora visibile parte dell'iscrizione araba originaria. Nel seicento, il nuovo proprietario Don Giovanni di Sandoval effettuò degli interventi lasciando tra questi uno stemma in marmo raffigurante due leoni posto sopra il fornice di ingresso. Vennero inoltre sostituite le finestre esterne ed apportate alcune modifiche alle stanze interne ed al terrazzato. Nell'Ottocento il Castello della Zisa divenne proprietà prima della famiglia Notarbartolo e successivamente della Regione Siciliana. Al suo interno sono ancora presenti mosaici e marmi dallo stile arabo. Il Castello della Zisa faceva parte del Parco del Genoardo, Paradiso della Terra, riserva reale di caccia del Genoard, luogo di una incredibile bellezza naturale per le piante, fontane e vasche presenti al suo interno. Il Castello della Zisa ha subito recentemente imponenti lavori di restauro dell'edificio e del giardino utilizzando non sempre gli stessi materiali usati per la sua costruzione. La Zisa è oggi anche sede del Museo Islamico.

Indirizzo: Piazza Guglielmo il Buono - Tel: 0916520269
Apertura: da lunedì a sabato 9-19 / domenica e festivi 9-13
Biglietto: €2,50 intero; €1,00 ridotto 18-25 anni; gratuito meno 18 ed oltre 65 anni